Le interviste: Fabrizio Spadini e Massimo Rotundo

 

 

Le interviste: Fabrizio Spadini e Massimo Rotundo

 

 

Arte e cultura a confronto tra due dei protagonisti della XXVIII edizione di Romics: il visionario Fabrizio Spadini e il Maestro Massimo Rotundo, Romics d'Oro 2018.

 

Fabrizio Spadini ha presentato la sua  mostra personale dal titolo Lame Rotanti. La pittura contemporanea di Fabrizio Spadini: distopie pop > robomachie > esplosioni: uno spin-off visivo con una selezione di 5 opere sperimentali realizzate in NFT (Non Fungible Token) che ci ha condotto dentro e attraverso immaginari affascinanti e futuristici, suggestioni cinematografiche e mitologiche. Spadini è stato protagonista inoltre di un evento di approfondimento della sua arte contemporanea dove si sono analizzati i riferimenti, l'impatto dell'animazione e del fumetto sulla cultura pop con emozionanti performance live di disegno live, musica e doppiaggio.

Massimo Rotundo ha presentato in anteprima a Romics la copertina del volume Accattoni, Vitelloni e Zombi. Il neoralismo rivisitato a fumetti edito da Ultra Edizioni e realizzato da Centro Sperimentale di Cinematografia e Scuola Romana dei Fumetti: dieci capolavori del Neorealismo, opere di De Sica, Zavattini, Fellini, Germi e altri maestri che hanno segnato la storia del cinema, a farsi spunto per altrettante storie a fumetti.

 

Fabrizio Spadini e Massimo Rotundo, con la compagnia del Direttore Artistico di Romics Sabrina Perucca, si sono scambiati idee e contaminazioni all'insegna dell'arte nell'intervista realizzata da Passion4Fun, tra i MediaPartner del Festival.

 

 

INTERVISTA A FABRIZIO SPADINI E MASSIMO ROTUNDO. A CURA DI PASSION4FUN
Leggi l'articolo completo QUI